• Centro per la Persona e la Famiglia

SETTEMBRE E IL CAMBIAMENTO STAGIONALE SI SALVI CHI PUO’!

Questo periodo può risultare particolarmente stressante soprattutto per gli over 65




Wake me up when September ends” cantano i Green Day, in quanti siamo d’accordo?


Settembre è il mese della ripresa e dei cambiamenti, si saluta la routine estiva degli ultimi tre mesi a cui ci eravamo abituati e che tanto ci piace e si torna ad uno stile di vita un po’più stressante. Altro aspetto da non sottovalutare è soprattutto il cambiamento stagionale, il 22 Settembre infatti finisce ufficialmente la bella stagione e parte l’autunno.

Questa fase dell’anno di cambiamento di stile di vita e di temperatura influenza pesantemente il nostro organismo. Il doversi adattare a un nuovo clima, alla diversa lunghezza della giornata e a nuove abitudini di vita, può generare stress mentale e stanchezza fisica. Ogni volta che c’è un cambio di stagione potrebbero manifestarsi una serie di disturbi, che possono compromettere la qualità della vita quotidiana. Spesso si parla di disordine affettivo stagionale che si manifesta con malessere e stress. Sono diverse le cause che potrebbero celarsi dietro la stanchezza del cambio di stagione, tra cui l’alterazione della serotonina e della melatonina, dovute alle modifiche nell’alternanza tra luce e buio.

I “sintomi” più comuni di questo periodo sono: stanchezza, debolezza, ansia, insonnia, irritabilità, sonnolenza, disturbi gastrici e malessere generale. Tutto questo è il campanello d’allarme di uno stato fisico e mentale non performante. A determinare questa serie di reazioni fastidiose potrebbe essere un intestino “impreparato” e colto di sorpresa da questi bruschi cambiamenti: è quella che, oggi, a detta delle varie comunità scientifiche, viene definita “disbiosi intestinale” (squilibrio della normale flora batterica intestinale).


ANSIA E IRRITABILITÀ

Entrambe sono legate all’attività della serotonina, un neurotrasmettitore che regola il tono dell’umore e la cui concentrazione, si è visto, è scarsa in caso di disbiosi;


INSONNIA

È provocata da una bassa produzione di melatonina, il cui precursore è la serotonina;


DISTURBI GASTRICI

Molto frequenti, sono, probabilmente, la conseguenza dell’adattamento forzato alle nuove condizioni climatiche; spesso a scatenarli è il cambio di stagione, che può stimolare importanti vie nervose e ormonali le quali favoriscono un eccesso di secrezione acida nello stomaco esacerbata da un intestino disbiotico, quindi scarsa risposta immunitaria ed esplosione di tutti i sintomi sopraelencati;


STANCHEZZA, MALESSERE GENERALE E SONNOLENZA

Sono disturbi comuni con cui ci si può trovare alle prese in qualunque periodo dell'anno, ma sono frequenti, soprattutto, nei cambi di stagione: che sia arrivata la primavera o stia iniziando l'autunno, è facile svegliarsi al mattino e sentirsi stanchi e affaticati come se non si fosse mai dormito e può capitare a tutte le fasce d’età, agli uomini, alle donne e ai bambini: con levatacce di questo tipo si può fare fatica a fare qualsiasi cosa, si perde la concentrazione e calano in maniera significativa le attività quotidiane.

Nella persona over 65 in cui diminuisce in generale la capacità dell’organismo di adattarsi ai cambiamenti la fine dell’estate si fa sentire maggiormente.


L’osteopata attraverso un trattamento manuale sulle strutture corporee “disfunzionali”, è in grado di ripristinarne il corretto funzionamento, facilitando sia a livello locale sia a livello sistemico i meccanismi di adattamento e conseguentemente il mantenimento o il ripristino di uno stato di salute.


L’osteopatia, agendo su questi meccanismi maladattativi, è in grado di intervenire positivamente sui cosiddetti disturbi funzionali, ossia quelle problematiche e quei sintomi che si verificano in assenza di una malattia vera e propria: ne sono un esempio i dolori e le infiammazioni muscolo-scheletriche che si verificano in assenza di patologia/lesione, i disturbi della digestione, problemi di congestione venosa o linfatica, otiti, infezioni ricorrenti, alcune forme di mal di testa etc. In queste situazioni, l’intervento osteopatico rappresenta un importante alleato che permette al corpo di reagire efficacemente a queste situazioni disfunzionali, ritrovando il proprio equilibrio fisiologico.


Dott. Poloni

Massoterapista - Osteopata





.


17 views0 comments

Recent Posts

See All